Il welfare? Te lo spiego in due minuti!

Fra gli attori del Secondo Welfare, un ruolo di rilievo è quello delle imprese in virtù delle loro potenzialità economiche ed organizzative e per la loro responsabilità sociale nei confronti dell’ambiente e dei propri stakeholder.

Per welfare aziendale si intende, generalmente, un insieme di iniziative di natura contrattuale o unilaterale erogate dal datore di lavoro ai propri dipendenti – attraverso una diversa ripartizione della retribuzione – con l’intento di migliorarne la loro qualità della vita sia privata che lavorativa. Si parla quindi di benfit di natura monetaria, di forniture di servizi oppure un mix delle due soluzioni. E’ possibile, ad esempio, usufruire di soluzioni a favore del sostegno del reddito familiare, il diritto allo studio, la condizione di genitore, la tutela della salute , fino ad arrivare a proposte per il tempo libero e agevolazioni di carattere commerciale.

Il welfare aziendale è regolato dal Testo Unico delle imposte sui redditi (TUIR); gli articoli 51 e 100 individuano un’ampia gamma di servizi di welfare aziendale che non costituiscono reddito da lavoro dipendente.

Raffaella Ginepro

Raffaella Ginepro

Broker assicurativo e consulente in materia di gestione del rischio. Amo la musica, scrivere, fotografare, perchè il cielo è sempre più blu!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.