Rischi legali per gli imprenditori?

Rischi legali per gli imprenditori
Rischi legali per gli imprenditori

Che la vita non sia facile per gli imprenditori, è fatto oltre che noto. Che il rischio anche involontario di infrangere le numerose norme e disposizioni di legge in vigore è una possibilità effettiva.

Nella giusta lotta all’evasione fiscale si inaspriscono le posizioni politiche e della Magistratura.

E’ recentissima la sentenza della Cassazione (Corte di Cassazione – Sezione Terza Penale, Sentenza 6 maggio 2014, n. 18698 ) che integra il reato di dichiarazione fraudolenta la deduzione di costi inesistenti mediante l’utilizzo di schede carburante false, rilasciate senza un effettivo rifornimento di carburate e dunque senza un effettivo esborso per il contribuente.

Il ministro della Giustizia Andrea Orlando, in un’intervista al Secolo XIX ipotizza la reintroduzione del reato di falso in bilancio, sostenendo  che “Il falso in bilancio va rivisto, ma non pensando che si tratti di reintrodurre una legge contro qualcuno (…) si tratta di un reato contro l’interesse pubblico e la trasparenza del mercato.”.

Ovviamente, i rischi legali per gli imprenditori non riguardano solo casi di dolo, come questi, ma incappare in infrazioni delle normative privacy o della sicurezza sul lavoro, incappare in un reato presupposto in base al decreto 231 del 2001 , subire una causa di lavoro da parte di dipendenti o ex dipendenti non è un evento eccezionale.

TutelaLegale
Diffusione delle polizze di tutela legale in Europa. Fonte DAS SpA

In questi casi si incorre in gravi danni di reputazione ed economici, ma ancora poche imprese ricorrono a forme di tutela che permetterebbero di contenere i guai.

Uno strumento semplice ed efficace  per tutelare  gli imprenditori e garantire loro la miglior difesa possibile  è la polizza di tutela legale.

La sottoscrizione di questo contratto assicurativo, a fronte di un costo ragionevole, garantisce all’impresa la copertura dei costi legali e peritali a tutela dei propri diritti in sede giudiziale ed extragiudiziale.

L’Italia – ci spiace ribadirlo –  anche in questo ambito, è molto indietro rispetto al resto dell’Europa: se in Germana quasi della metà della popolazione è titolare di un contratto assicurativo di tutela legale in italia lo è solo il 4,4%.

Per maggiori informazioni su come sottoscrivere un contratto di tutela legale, scrivete ai nostri esperti a info@adeia.it.

Raffaella Ginepro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.