Ancora sui crediti e gli insoluti…

Ancora sui crediti e gli insoluti…

Vorremmo portare un esempio concreto:insoluto

Azienda attiva da 2 anni circa, fatturato raggiunto ca. 200.000 euro.

All’inizio del secondo anno di attività ha avuto un mancato pagamento di un cliente per circa 20.000 euro, che ha causato serie difficoltà.

Ora sta sottoscrivendo una polizza credito a copertura dell’intero fatturato, che costerà 2.500 euro all’anno.

Senza fare grafici, è evidente che, anche considerando che l’assicurazione avrebbe indennizzato il 90% della fattura, cioè 18.000 euro (salvo l’eventuale recupero del resto, sempre a cura della Compagnia), il break-even “al contrario”  è di 7 anni…

A parità di spese l’azienda si sarebbe pagata 7 anni di assicurazione credito, assicurando anche tutti gli altri crediti, dormendo sonni più tranquilli e senza rincorrere debitori…

Per chi non avesse visto i nostri input precedenti…

http://www.adeia.it/images/Credito/Assicurazioni-credito-al-palo.pdf

http://www.adeia.it/images/Credito/ritardi pagamenti.pdf

P.Cevoli (Zelig) : «Con questo cosa voglio dire? Non lo so. Però c’ho ragione e i fatti mi cosano.»

A parte le battute, volevamo sottolineare che anche un’azienda con volumi non da “grande industria” può aver bisogno di cautelarsi e soprattutto può cautelarsi.

Non è detto che sia l’unica strada o per forza la migliore, ma parlarne non costa nulla!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.